EREMO DI SAN SILVESTRO SUL MONTE SORATTE

Sant Oreste (RM)

-
Voti Totali
-
Voti Online
Completa Informazioni
Segnala Duplicato

Scheda completa al 100%

Dettagli Luogo
Comune
Sant Oreste
Provincia
RM
Regione
Lazio
Tipologia
EREMO

Fondato sulle rovine dell'antico Tempio dedicato al Dio Sorano (II sec. a.C.), il primo romitorio era ricavato in una insenatura naturale (dolina), sulla vetta del Monte Soratte e vi si accedeva scendendo da una piccola e stretta scaletta che permetteva l'ingresso della luce naturale. Qui si rifugiò San Silvestro scappato dalla persecuzione cristiana prima della conversione di Costantino ("Come Costantin chiese Silvestro dentro Siratti", cit. Dante, Divina Commedia) che trasformò il luogo pagano (l'area sacra del Monte è venerata dai tempi delle popolazioni pre-romane dei Falisci e Capenati) in una fabbrica Cristiana, all'origine configurata nella classica forma basilicale degli impianti tardoantichi, come è testimoniato nel "Chronicon" Benedettino (V sec. d.C.). Numerose trasformazioni, rifacimenti ed aggiunte si susseguirono già a partire dalla distruzione longobarda: la chiesa fu ricostruita per benevolenza di Carlomanno che nel VIII sec. d.C. costruì la cripta ed il prespiterio rialzato: uno spazio voltato da crociere irregolari su piccole colonne in travertino e granito (anc'esse resti dell'antico tempio di Apollo) e capitelli di evidente influenza carolingia. Tardo è l'insediamento monastico collocato tra il XII e il primo Rinascimento come testimoniano gli affreschi stratificati che (ormai) solo parzialmente ricoprono le arcate tutto sesto su piedritti che dividono l'aula chiesastica in 3 navate voltate a botte a sesto acuto. Vi sia accede da un esonartece (atrio esterno alla facciata) diviso da un arcone del quale ne rimane appena l'imposta, e da una piccola porta contornata da un impotte in marmo pentelico (parzialmente sostituita dal travertino in successive opere di restauro) con profilo scanalato, probabilmente eco dell'antica preeseistenza citata da Virgilio. Di fronte al portico i resti della torre campanaria (testimonianza di ripetuti crolli causati dai fulmini) che ancora nel 1600 custodiva la campana bronzea di San Silvestro. La facciata mostra ancora i segni del restauro compiuto dai cittadini di Sant'Oreste nel lontano 1920, quando fu tentato un recupero dell'organismo, in particolare degli affreschi che fino agli anni '50 coprivano ancora le volte. Gli scavi degli anni '80 riportarono parzialmente in luce i resti dell'impianto conventuale che fotografie d'epoca ancora ritraggono nella loro ultima essenza prima del completo crollo. A nord del complesso è ancora possibile incontrare queste tracce tra le uali spicca l'antica cisterna attorno alla quale un susseguirsi di piccoli vani, andavano a costituire l'impianto funzionale del monastero. Il fronte occidentale mostra i segni delle trasformzioni, con le absidi giustapposte (l'abside centrale è probabilmente quella appartenente all'impianto più antico) e a queste un campanile turriforme, di probabile inserimento alto medievale.

Continua a leggere
Altri Luoghi del Cuore Vicini
Vedi tutti i luoghi in provincia di ROMA
-
Voti Totali
-
Voti Online
Completa Informazioni
Segnala Duplicato

Scheda completa al 100%

Dettagli Luogo
Comune
Sant Oreste
Provincia
RM
Regione
Lazio
Tipologia
EREMO