410 mila euro per il restauro della Cappella Revedin a Ferrara

23.03.2016

 

L’ha annunciato lunedì 14 marzo l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Ferrara, Aldo Modonesi nel presentare il programma della ventiquattresima edizione delle Giornate FAI di Primavera (19 e 20 marzo).

I fondi saranno recuperati «nell’ambito della seconda tranche dei finanziamenti regionali per i danni provocati dal sisma». La Cappella Revedin è da tempo al centro dell’attenzione dei ferraresi a causa dello stato di degrado in cui versa dall’inizio degli anni Cinquanta quando fu chiusa definitivamente al pubblico ed è entrata nella classifica dei “Luoghi del Cuore” del 2012 e del 2014, in occasione della sesta e settima edizione del censimento, con 1.516 voti. Dedicata al SS. Redentore, fu costruita tra il 1808 e il 1811 per volere dei fratelli Antonio e Francesco Revedin che si trasferirono da Venezia e acquistarono la proprietà con la villa annessa. La cappella è un raro esempio di stile Neoclassico del territorio ferrarese e un edificio storico di particolare pregio, che attualmente versa in una condizione di totale abbandono, anche a causa dei danni provocati dal sisma nel 2012. Benché dal 1951 la Cappella non sia più luogo di culto è ancora viva la memoria dei residenti del quartiere, che hanno accolto con entusiasmo la notizia del suo imminente recupero. Un altro successo per il progetto “I Luoghi del Cuore” che hanno contribuito a riportare questo luogo all’attenzione del pubblico e delle istituzioni.