A tu per tu con i comitati: Villa Cernazai Pontoni

10.11.2015

Sono oltre 9.000 i voti che il comitato e il Gruppo FAI di Cividale sono riusciti a raccogliere per Villa Cernazai Pontoni e l'area agricola circostante, a Premariacco in provincia di Udine. Un risultato importante che ha reso questo luogo il più votato in Friuli Venezia Giulia all'ultima edizione del censimento. Come hanno fatto? Scopriamolo insieme dalle parole di Cristina Moschioni, rappresentante del comitato.

Perché consideri Villa Cernazai Pontoni il tuo luogo del cuore?

Per chiunque visiti questo luogo è subito “amore a prima vista”: un po’ confusi e stupiti  dalla stupenda posizione panoramica, dalla mole architettonica così importante e articolata, dal parco giardino, dalla magnifica campagna, si viene come rapiti  da un che di speciale e fascinoso che si capisce e apprezza ancora di più quando si conosce la vicenda storica di questo luogo emblematico del Friuli. L’innamoramento si trasforma in un sentimento più profondo inconciliabile con lo stato di grave abbandono e la rovina a cui in questo momento sembra destinata Villa Cernazai.

Come sei riuscita a sensibilizzare i tuoi concittadini e creare un comitato per la raccolta dei voti?

Connettendoci il più possibile con la comunità, creando occasioni di incontro e condivisione della memoria storica e culturale legata al luogo del cuore. Abbiamo aperto una pagina Facebook  che è diventata il contenitore di interviste, foto, documenti e luogo di scambio di memorie e ricordi. Abbiamo promosso incontri ed eventi che hanno coinvolto associazioni ed enti del territorio. Importantissimo è stato il coinvolgimento delle scuole del nostro territorio.

Cos'ha significato raggiungere 9.181 voti e rendere Villa Cernazai Pontoni il luogo più votato in Friuli Venezia Giulia?

E’ un risultato che ancora ci stupisce: pensavamo che ormai solo pochi compaesani ricordassero questo luogo e invece abbiamo aperto gli scrigni dei ricordi e siamo stati travolti dall’entusiasmo di tantissimi firmatari. Abbiamo capito che l’indifferenza ha scontentato tutti  e che c’è una grande energia su cui contare per riuscire a salvare questo angolo prezioso e amato del Friuli.

C'è un consiglio che vorresti dare a chi ancora non si è attivato per il proprio luogo del cuore?

Veramente si può fare!!! Si può attivare un piccolo comitato di amici e partire per una straordinaria avventura che crea amicizie e ci fa parte di una generosa comunità sensibile alla Bellezza. Il Censimento I Luoghi del Cuore è un vero trampolino di ampia visibilità per siti di mirabile bellezza ma di minore fama che grazie a questa iniziativa possono essere conosciuti e apprezzati da un pubblico più vasto e  in tal modo aspirare a un’adeguata tutela.

Il FAI ogni giorno, attraverso il censimento I Luoghi del Cuore e non solo, porta avanti la sua missione di sensibilizzazione, tutela e valorizzazione del patrimonio italiano: un impegno quotidiano reso possibile da quanti ci sostengono ogni giorno attraverso gesti semplici ma concreti che possono fare la differenza, così come accade con le segnalazioni dei luoghi del cuore. Fai un appello anche tu perché il paesaggio, l'arte e la natura siano per sempre e per tutti.

Ogni comunità per svilupparsi in modo armonico e unitario deve conservare l’orgoglio della propria identità storica e della bellezza della propria terra. La coscienza di quanto sia importante la  tutela del paesaggio, dell'arte e della natura ci rende più liberi e uniti, ci affranca da linee di sviluppo economico ingannevoli, con effetti positivi brevi e limitati, spesso solo sciagurata eredità per le generazioni future.


Leggi anche le esperienze di:

>> Villa di Cicerone - Formia (LT)
>> Forte San Felice - Chioggia (VE)
>> Il Sistema degli Orti Saraceni - Tricarico (MT)
>> Il Monastero degli Zoccolanti - Corridonia (MC)
>> Spiaggia e Colonia Felina di Su Pallosu - San Vero Milis (OR)
>> Le Saline e la Laguna Lo Stagnone (TP)
>> Convento dei Frati Cappuccini - Monterosso al Mare (SP)
>> Castelfiorentino - Torremaggiore (FG)