A Vercelli annunciato il progetto di valorizzazione per la Basilica di Sant’Andrea

06.03.2017

15.582 voti è questo l’importante risultato conseguito dalla Basilica di Sant’Andrea a Vercelli nel corso della settima edizione del censimento “I Luoghi del Cuore”. Una mobilitazione che ha permesso a questo luogo prezioso della città piemontese di accedere alla Linee Guida 2015 e di rendere il Comune di Vercelli destinatario del contributo di 12.400 euro messo a disposizione dal FAI – Fondo Ambiente Italiano e Intesa Sanpaolo a sostegno dei costi di realizzazione di un progetto multimediale volto a migliorare l’esperienza dei visitatori e a valorizzare le altissime potenzialità storico, artistiche, culturali dell’Abbazia.

 Il progetto

L’intervento sarà reso possibile da un’eccezionale convergenza di soggetti che hanno stanziato un contributo per il recupero dell’Abbazia: il Comune di Vercelli, Confagricoltura Vercelli e Biella, Lions Club Vercelli, Atena Spa e Casa d’Aste Meeting Art S.p.A. oltre alla collaborazione con la Diocesi di Vercelli. Un altro esempio di come I Luoghi del Cuore, puntando i riflettori sui beni segnalati spontaneamente dalle persone, siano in grado di creare una rete di privati e istituzioni per la loro valorizzazione.

La Basilica di Sant’Andrea, tra i primissimi esempi di gotico in Italia e legata alle vicende del Cardinale Guala Bicchieri, legato pontificio presso la Corte inglese e figura di spicco della città a cavallo tra XII e XIII secolo, è importante dal punto di vista della storia dell’architettura italiana e per la memoria del territorio.

Oggi, questo intreccio di racconti è difficilmente fruibile per il visitatore, poiché il monumento è privo di un servizio di visite guidate e non sono disponibili pannelli descrittivi del monumento.

Il progetto di valorizzazione - realizzato dalla Carraro Multimedia SRL sotto la direzione del Segretariato regionale per il Piemonte del MiBACT e della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Provincie di Biella, Novara Verbano Cusio Ossola e Vercelli - consisterà nella realizzazione di un apparato multimediale in grado di offrire ai visitatori un percorso conoscitivo suggestivo, appassionante e in assonanza con le nuove modalità di interazione con il pubblico.

Attraverso un sistema basato sulla microgeolocalizzazione, il visitatore dotato di smartphone o tablet, muovendosi all’interno dell’Abbazia, riceverà immagini, video, testi relativi alla storia del monumento. Il visitatore, per ricevere le informazioni, non dovrà altro che muoversi nello spazio dell’Abbazia, potendo seguire un proprio itinerario e scegliendo diverse modalità di fruizione e diversi livelli di approfondimento.

I visitatori non attrezzati con tecnologia mobile avranno a disposizione un sistema di pannelli informativi adeguati alla funzione e al luogo.

Il significato dell’intervento

Maura Forte, sindaco di Vercelli: “Il progetto si innesta positivamente sull’impostazione strategica di questa Amministrazione che riguarda la valorizzazione delle opere architettoniche e storiche della Città al fine di migliorare la nostra capacità d’attrazione per i turisti. Sono quindi grata al FAI e a tutti gli attori che permettono la realizzazione di questo progetto”.

Paoletta Picco, Capo Delegazione FAI di Vercelli: “La Delegazione FAI di Vercelli è sempre vicina al territorio di competenza e ai suoi valori culturali. La Basilica di Sant’Andrea ha particolarmente meritato il sostegno della Fondazione, non solo perché amata dai vercellesi, ma perché questo tesoro della città, uno dei primi e più notevoli esempi di architettura gotica in Italia, è patrimonio di tutti.