I Luoghi del Cuore: i risultati parziali

23.07.2014

Tifa per l’Italia che ami, vota il tuo luogo del cuore: un invito, quello del Censimento, che è stato accolto con grande entusiasmo e passione dai cittadini italiani innamorati del proprio Paese. A poco più di due mesi dal lancio de I Luoghi del Cuore sono, infatti, oltre 150.000 i voti già raccolti, fra segnalazioni online e firme cartacee, per più di 9.000 luoghi!

Chiese, parchi, spiagge, palazzi, mulini, borghi, castelli: non c’è limite alla passione. Nella maggior parte dei casi i luoghi votati sono segnalati per la necessità di valorizzazione, l’urgenza di azioni di tutela, situazioni di grave degrado o, semplicemente, per la bellezza e per le emozioni che suscitano. Un grande coinvolgimento che ha visto attivarsi finora 150 comitati, in alcuni casi sostenuti dalle Delegazioni locali del FAI: un vero e proprio gioco di squadra volto ad accendere i riflettori sul proprio luogo del cuore portandolo all’attenzione nazionale e, per i primi tre classificati, ottenere un intervento diretto sulla base di specifici progetti d’azione. In più, i luoghi che riceveranno almeno 1.000 voti potranno presentare una richiesta di intervento secondo le linee guida che saranno diffuse dopo l’annuncio dei risultati del Censimento, che si concluderà il 30 novembre 2014.

Ecco i luoghi che nella classifica provvisoria, ad oggi, risultano i più votati:

1) Villa Alari a Cernusco sul Naviglio (MI)
Quasi 6.000 voti

Settecentesco edificio in stile barocco con giardino alla francese progettato dall’architetto Giovanni Ruggeri. Oggi la Villa è chiusa al pubblico.

2) Chiesa di Sant’Agnello a Maddaloni (CE)
Circa 5.500 voti

Chiesa di origini paleocristiane intitolata al Santo nella seconda metà dell’XI secolo dopo un’importante sconfitta inferta ai saraceni. Oggi versa in stato di degrado.

3) Castello di Catalubo ad Alcamo (TP)
Oltre 5.000 voti

Grande complesso architettonico le cui prime testimonianze risalgono all’anno Mille, di rilevante importanza in epoca normanna.

Ai primi posti della classifica dedicata ai luoghi della produzione e della trasformazione alimentare, proposta in occasione dell’imminente appuntamento di Expo Milano 2015 dal tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, troviamo Villa Cernazai Pontoni e l’area agricola circostante, a Premariacco-Ipplis (Udine), il Borgo e i vigneti di Rolle (Treviso) e il mulino Fanzaga, a Treviglio (Bergamo).