Luci sulla Cattolica di Stilo

19.05.2016

19 Maggio 2016

Sono partiti il 16 maggio 2016, a seguito dello speciale contributo di 30.000 euro assegnato dal FAI e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto “I Luoghi del Cuore”, i lavori per la realizzazione dell’illuminazione della Cattolica di Stilo in provincia di Reggio Calabria.  

Con la sua chiesa a croce greca e le caratteristiche cinque cupole la Cattolica di Stilo ha rappresentato per secoli il più importante centro bizantino della Calabria meridionale entrando nel 2006 nella tentative list italiana dei luoghi candidati a diventare Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. A ulteriore testimonianza del suo prestigio, la sua effige compare sulla filigrana del passaporto italiano.

Segnalata con oltre 20.000 voti alla sesta edizione de “I Luoghi del Cuore”, ha potuto accedere alle Linee Guida per la Definizione degli Interventi 2013, lanciate dal Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

In questa occasione, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Calabria, Ente responsabile della tutela del bene, ha potuto presentare al FAI una richiesta di intervento, poi accolta, per un progetto di illuminazione del monumento, volto a esaltarne i valori storico e artistici e l’atmosfera di raccoglimento e misticismo che lo connota.

L’intervento si inserisce nell’ambito di un più ampio e ambizioso programma di valorizzazione del bene promosso dalla Soprintendenza, di cui la recente realizzazione del Parco della Cattolica, che coinvolge nel proprio percorso anche i ruderi del vicino Monastero di Santa Chiara, costituisce un primo importante obiettivo. L’impianto di illuminazione, risultato di un attento e approfondito studio illuminotecnico commissionato dal FAI allo Studio BBLD Barbara Balestreri Lighting Design, offrirà una nuova e originale lettura del monumento, senza però snaturarne l’essenzialità e la vocazione religiosa. All’esterno la luce contribuirà a rendere più suggestiva la visita nelle ore serali e darà continuità al sistema di relazioni percettive della Cattolica con i vicini ruderi del Convento delle Clarisse, con il borgo e le sue architetture, con le pendici rocciose del Monte Consolino custode di numerose grotte o laure, interessanti testimonianze del monachesimo greco eremitico e lauritico diffusosi in Calabria a partire dal VII secolo.

L’illuminazione della Cattolica si configura non soltanto come una fondamentale azione di conservazione e tutela, tesa a garantire la valorizzazione e il godimento del bene da parte del pubblico, ma anche come importante esempio di collaborazione tra pubblico e privato, che rappresenta la concreta risposta a quanti hanno segnalato con passione e impegno questo luogo del cuore.

L’intervento sulla Cattolica di Stilo è una perfetta sintesi del lungo lavoro del FAI in Calabria – commenta Anna Lia Paravati Capogreco, Presidente Regionale FAI Calabria - che connota tutto il nostro agire, fatto di laboriosa attività dei volontari, coinvolgimento di una orgogliosa ed attenta comunità locale, virtuosa collaborazione con gli Enti Pubblici responsabili dei beni. L’opera consentirà di guardare da lontano o di entrare nella piccola chiesa e di apprezzarne non solo le perfette linee architettoniche che ne hanno fatto uno dei simboli del patrimonio artistico italiano, ma di lasciarsi coinvolgere dalla spiritualità e dal misticismo del luogo che hanno reso quel piccolo territorio fecondo di un pensiero illuminato tanto potente da irradiarsi in tutto il mondo. È un progetto di valorizzazione ma è anche, e soprattutto, un invito al recupero della memoria”.